Borsette e FMTECH AWARD

Sono seguita da 100 persone (che consenzienti, si sono iscritte al blog per leggere e seguire i miei post... roba da non crederci!), e vorrei ringraziarvi tutti! Grazie! Thanks! Dankeschön! Muchas gracias! Gratias! Merci! Puno ti hvala! Živijo! Cпасибо!
Sono seguita da 100 persone (che consenzienti, si sono iscritte al blog per leggere e seguire i miei post… roba da non crederci!), e vorrei ringraziarvi tutti!
Grazie! Thanks! Dankeschön! Muchas gracias! Gratias! Merci! Puno ti hvala! Živijo! Cпасибо!

Mi sono piovute dall’alto, anzi dai blog,  2 nuove nomination per 2 giochini diversi, il “cosa c’è nella tua borsa” da Vikibaum, e da Wezla per il  FMTECH AWARD.

Il fine di ambedue le catene è, come sempre, menzionare altri blog ritenuti meritevoli di qualche visita e di qualche lettura.

In cosa c’è nella tua borsa by vikibaum il gioco consiste nel descrivere quello che ci si porta sempre dietro, nella borsa per l’appunto e nominare altri blogger.

3bagCredo di scader nella peggior banalità, a parte il fatto, forse, che (ma non sono l’unica) necessito di borse dalla capienza alla Mary Poppins. Documenti, cellulare, chiavi, fazzoletti, portafoglio, un libro in caso di code interminabili trovate  per uffici, un astuccio per le biro, agenda, chiavetta con appunti vari, pochette pronto soccorso femminile (rossetto, matita, rimmel ma soprattutto assorbenti). Poi gli oggetti contingenti che possono cambiare a seconda delle giornate e delle occasioni:  bottigliette d’acqua, succhi di frutta, altri libri, altri appunti, un pacchetto di noccioline e/o mandorle, macchina fotografica, registratore.

il FMTECH AWARD me lo affibia Wezla e l’idea per questa catena è partita da FMTECH per l’appunto.

award

Il gioco consiste nel nominare 10 blog dandone le motivazioni. Questi a loro volta potranno continuare la catena oppure no. Io però non avviserò i blogger citati, se non proprio uno o due al massimo.

1) Cute overload – lo controllo praticamente quotidianamente. E’ un blog di immagini e video di animali, e quando si è stanchi, della giornata o dei contatti umani in generale è un ottimo modo per rilassarsi. (“Ma allora quotidianamente i contatti umani ti stancano?” “Sì!”)

2) Mark Dylan Seber – è davvero particolare, sia per gli articoli che per le immagini. Lo seguo su altri due social network persino.

3) Tu cancro, io donna – è uno di quei blog veri, che non ti fanno perdere il contatto con il reale. Fra questi 10 blog è quello che consiglio con più convinzione.

4) Scena Crimis – la criminologia è una delle mie materie. I post sono corti e brevi ma sempre esatti e piacevoli da leggere.

5) Aquila non vedente  è un blog personale di una persona intelligente, i suoi punti di vista sulle cose della vita sono lucidi e mai superficiali. Insomma, merita.

6) Romala  è un blog personale che seguo da tanti, uh davvero tanti anni. Leggere e commentare regolarmente i post personali di qualcuno è come sentirlo regolarmente per telefono, è come andarci regolarmente a bere il caffè al bar. Insomma poi finisce che li conosci e ti affezioni anche se li incontri solo nel blog perché per la distanza, di incontrarli al bar per un caffè non capiterà.

7) Mamma, che buono! – le ricette di Rosita. Beh, sì, perché fra le altre cose mi piace molto sperimentare, soprattutto cucinando.

11390265_10153029475091843_1444447565033881808_n8) Il giorno degli Zombi perché mi piacciono anche questi tipi di letture. Trovo gli zombie siano una perfetta metafora di alcuni individui pericolosi (più pericolosi degli zombie che almeno dall’aspetto esteriore li riconosci immediatamente), spietati e pronti a sbranarti, ma anche dannatamente incapaci di un ragionamento che vada più in là del “I searching for BRAIN!!!!”

9) Jung Italia è il blog di uno studente in Psicologia e, il tema principe è Carl Jung. Trovo che Jung batta Freud alla grande e quindi passso volentieri a leggermi qualche post.

10) Almeno tu – blog personale, seguo da poco e ne apprezzo lo stile.

ps: rispondo alle nomination, mi fan piacere e le trovo carine, soltanto lascio che si accumulino almeno un paio, perché diciamolo… non è che questi “premi” siano eccezionalmente rari 🙂 sennò ogni nuovo post sarebbe per rispondere al premio e “premiare” altri.

Bloody Ivy