Bloody Mary Challenge – 2 Recensione

Potrebbero interessarti anche...

16 Risposte

  1. L'Irriverente ha detto:

    La questione delle esperienze ai limiti del paranormale è senza dubbio affascinante. Non ne so abbastanza, ma credo sia un tema da studiare attentamente: è troppo facile appioppare al fenomeno una spiegazione preconfezionata che si adatti alla propria visione del mondo, bisognerebbe capire da che cosa si originano e che cosa possano significare per la nostra concezione della realtà. Personalmente sono persuaso che quando parliamo del mondo reale ci appoggiamo molto a luoghi comuni e apparenze, mentre le cose sono più complesse: chi mi assicura che il bagno sia ancora lì quando rimane chiuso dietro quella porta e nessuno lo percepisce? È una questione filosofica di cui ora si stanno occupando anche i fisici: la soggettività del reale. Ce ne sarebbe da dire…

    • bloodyivy ha detto:

      le spiegazioni troppo preconfezionate, da scientifiche inizialmente tendono a diventare superstiziose.
      il vero volto delle cose che ci circondano siamo ben lungi dal conoscerlo.
      Ho cercato un po’ al tuo blog se riuscivo a capire l’argomento della tesi ma, un po’ per il fatto che son sempre o di corsa o stanca sfinita, forse l’avrò avuto sotto al naso ma non l’ho capito… ero curiosa.

      • L'Irriverente ha detto:

        Ti riferisci alla mia laurea? Sarebbe un’analisi di alcuni degli ultimi racconti di Italo Svevo, pubblicati dopo “La coscienza di Zeno”, in cui presto attenzione principalmente al modo in cui l’autore tratta il tempo e alla presenza della menzogna a vari livelli entro la narrazione, fino al vertice raggiunto nelle “Continuazioni” di Zeno, dove, come nel romanzo, è il narratore a mentire al lettore.

        • bloodyivy ha detto:

          scusami… ogni tanto trovo commenti inspiegabilmente bloccati come spam e questo era uno della serie.
          Intrigante! Sul mio concittadino!

          • L'Irriverente ha detto:

            Sì, molto particolare, anche perché ci sono pochi studi specifici sui Racconti. L’ultimo aggiornamento è che la tesi è finita e dopodomani avrò la conferma definitiva se tutto vada bene.

  2. ivano f ha detto:

    Mannaggia, una OBE troppo prematura! 😀 Chi ha il pane non ha i denti etc 🙂
    (Ormai il danno è fatto, aspetto solo che mi arrivi in libreria… 🙂 )

    • bloodyivy ha detto:

      lo hai ordinato? bene.
      allora ricorda, non è un librettino né per formato né per peso, è quel che si definisce un bel tomo.
      Non è un romanzetto, è un saggio, se si hanno tre ore libere non va letto tutto d’un fiato per tutte le tre ore ma un po’ si legge e un po’ ci si pensa su, magari rileggendo le frasi poco chiare e cercando di capire come potrebbe cambiare il nostro punto di vista sulle cose con quanto appreso.
      c’è un po’ di tutto, anche di arte, come la interpretazione della creazione di adamo della cappella sistina, dove michelangelo nasconde l’immagine dell’emisfero cerebrale dietro l’immagine di dio (da pag 241 in poi ho cercato ora, uno dei pezzi più interessanti secondo me)… e, beh c’è tanto da imparare e per questo è davvero un buon libro. ciao

      • ivano f ha detto:

        Va bene, terrò a mente il libretto d’istruzioni… 🙂
        Ormai l’ho comprato, non serve più esaltarne le qualità 😛 Scherzo eh, grazie di avercelo fatto scoprire, dovrà aspettare buono buono che finisca di leggere 22/11/63 , poi sarà il suo turno di sicuro.
        Ogni bene!

  3. il barman del club ha detto:

    Molto bella questa tua recensione, perché rileva una tematica che affascina sempre e coinvolge chiunque abbia avuto esperienze particolari
    ( https://antoniobianchetti.wordpress.com/2014/04/19/vita-eterna/ ) tanto per entrare negli altri mondi che ci circondano. Probabilmente noi siamo talmente piccoli o lontani dalla reale configurazione di una quantistica dimensione (o varie dimensioni), per riuscire, almeno per ora, qual’è il confine tra il nostro corpo e la nostra anima, e quando lo oltrepassiamo, non siamo ancora in grado di capire…

  4. gianni ha detto:

    E ribloggo anche questa, non foss’altro perché ancora io non ho proprio il tempo di recensire alcunché! 😀
    E poi sto scrivendo di teneri orsacchiotti in questo momento, quindi niente quasi morte.
    I n t e r e s s a n t i s s i m o !

  1. 16/01/2017

    […] l’indice del libro    —    qui  recensione   —  qui per Bloody Mary Challenge rec 2 Qui libro su IBS Enrico Facco – Esperienze di premorte. Scienza e coscienza al confine tra […]

  2. 17/01/2017

    […] Sorgente: Bloody Mary Challenge – 2 Recensione […]

Grazie del commento, torna a trovarmi presto :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: