Osmiza

Potrebbero interessarti anche...

24 Risposte

  1. aliceverdolina ha detto:

    Ciao! Sarò a Trieste questo week end (influenza permettendo) per la festa del primo maggio a Borgo Grotta Gigante…sai di qualche osmiza aperta? Grazie 🙂

  2. simonetta colonna ha detto:

    certo che sarebbe gradita una maggior cura nella redazione del testo! il formato è sbagliato e ci son refusi anche nel testo.

    • bloodyivy ha detto:

      simo… “il formato è sbagliato” che vuol dire? io lo provo con chrome e non con IE che lo so, può cambiare molto… tu con quale broswer lo hai letto? Ora rileggo e vedo se trovo i refusi. Sì dovrei dedicarci più tempo al blog, grafica compresa; spero di poterlo fare quanto prima

  3. newwhitebear ha detto:

    Non mi pare che quello che segnala la lettrice Simonetta Colonna sia vero. UUso Firefox e l’ho letto benisismo. Refusi? Non mi pare di averne trovati. Il testo si legge bene, anche se c’è qualche piccola ripetizione, che visto l’argomento non stona.
    Interessante è la storia delle Osmize e di come si possono rintracciare. In qualche modo ha ridestato un ricordo passato, quando abitavo a Bolzano e si andava per i masi a mangiare quello che offrivano.
    Grazie per la visita.
    A presto

    • bloodyivy ha detto:

      Uh! Grazie 1000! quindi con Chrome e Firefox, come scrivi così vedono online. Secondo me Simonetta usa IE che distorce l’opera, soprattutto se scegli il font sbagliato. C’è una lista di font da non adoperare mai, verdana in primis (anche se è così carino 🙂 ), se si vuole che non ci siano sorprese per chi usa IE. Aggiungerò alle cose da fare il primo giorno libero “controllare blog con IE e scegliere font compatibile”.
      Di sbagli nel rileggerlo a parte l’ultima frase, dove Asburgo andava con la maiuscola, e il punto finale che ho allegramente tralasciato, io non ne ho notati. Ma correggo stasera, magari alla terza lettura scopro qualcosa.
      see U soon 🙂

  4. Bel sito. Antipatiche le pubblicità ingannevoli quando clicchi i link. Sono volute o hai un virus sul server?

    • bloodyivy ha detto:

      non ho rilevato virus né malware, e nessuno guardando da pc o da tablet me lo ha rilevato, almeno fino ad oggi… maahhh chiederò cosa capita

  5. egeriaterza ha detto:

    Bellissimo post! Interessante anche il tuo blog, e Trieste è una delle città che più amo… Ciao, Ivy!

  6. unpodimondo ha detto:

    Bellissimo post… Questa usanza delle osmize a Trieste non la conoscevo, però assomiglia tanto a quella degli Heurigen nella campagna intorno a Vienna.
    p.s. io non ho trovato nessun refuso e l’articolo si legge benissimo.

    • bloodyivy ha detto:

      Trieste è molto asburgica, sia per storia che per il gusto degli autoctoni. 🙂 siamo molto tipi da strudel e sacher 🙂

  7. unpodimondo ha detto:

    Per uno come me che è astemio e non mangia salumi (ma carne e formaggi si) cosa potrei mangiare in una osmiza? O è meglio che lasci perdere?

    • bloodyivy ha detto:

      i contadini le aprono per far apprezzare i loro vini, intesi come creature che hanno cresciuto, accudito, preparato. A chiedere solo acqua li faresti restar male in effetti.. 😉

      • unpodimondo ha detto:

        Ho capito…meglio lasciar perdere. In famiglia io sono totalmente astemio, mia moglie beve solo birra e la figlia, tranne qualche cocktail quando è con gli amici, a tavola non beve ne’ vino, ne’ birra e neanche bevande gassate… Tre che vanno ad acqua sarebbe troppo per il contadino…

  8. valeriogamba ha detto:

    Veramente interessanti gli articoli su Trieste: sono un modo per fare conoscere ai non triestini le peculiarità di questa città che, per certi aspetti, è un “mondo a parte” dove le usanze locali e le espressioni, anche linguistiche, sono più radicate che da altre parti (e spesso poco accessibili ai “forestieri”). Io continuo a fare delle scoperte nonostante periodicamente capiti da quelle parti (le vacanze della mia infanzia le passavo tra Sistiana e l’Istria e mi piace sempre ritornare quando posso). Le osmizze sono una di queste peculiarità. Io per esempio sono capitato più volte dalle parti di Sales, ma credo che la cosa migliore sia vagare per il Carso e… cercare le fronde!

    • bloodyivy ha detto:

      grazie a te valerio… io son di parte ovviamente, ma Trieste e l’Istria per me son terre stupende 🙂 Sistiana è un gioiellino

  1. 06/09/2015

    […] condita) è spesso usato. Nella provincia di Trieste e dintorni, ad esempio, è facile trovare nelle osmize (tipici locali triestini, aperti solo in alcuni periodi dell’anno, dove i contadini in alcuni […]

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: