El “troncheto” de Nadal -Graziella Semacchi Gliubich

Graziella Semacchi Gliubich
Graziella Semacchi Gliubich - Ciacole fra le pignate - Editoriale Danubio

 

Buon Natale!!!
Buon Natale!!!

Me go inacorto che semo soto le feste l’altro ieri che son ‘ndada in cità de dopopranzo e le vie iera tute una luminaria. ‘Ssai me ga piasso i ferai trasformai in alberi de Nadal; propio decorativi e, se volemo, anche ecologici, visto che cussì no’ ocori taiar tanti abeti.

Ma stago andando fora del seminà… Insomma ancora pochi giorni e sarà Nadal e tute le famee festeggerà la nassita del Bambin Gesù anche intorno a la tavola. Mi farò un dolze che fazo ogni ano in ‘sta ocasion, el “troncheto”. Che no’ se fa coi ferai ma cussì:

Graziella Semacchi Gliubich
Graziella Semacchi Gliubich – Ciacole fra le pignate – Editoriale Danubio

Se prepara la pasta sbatendo quatro zali con oto deca de zuchero fin che i diventa spumosi. Po’ se zonta tre deca de buro squaià e fredo e oto deca de farina, missiando pian. In ultimo se meti, sempre missiando pian i quatro bianchi sbatui a neve. Se meti su la lastra del forno un foio de carta bianca de la stessa misura, se lo spalma con buro e farina po’ se distira l’impasto fazendo un strato che se paregia co’ un cortel a lama larga, bagnà perché la pasta no’ se tachi. Se meti in forno caldo per diese minuti. Se ciol dopo una bela straza dei piati sbatui a neve. Se meti su la lastra del forno un foio de carta bianca de la stessa misura, se lo spalma con buro e farina po’ se distira l’impasto fazendo un strato che se paregia co’ un cortel a lama larga, bagnà perché la pasta n’ se tachi. Se meti in forno caldo per diese minuti. Se ciol dopo una bela straza de piati e se ribalta de su la pasta. ‘Desso ocori un vaseto de marmelata de castagne che se diluissi con un bicerin de rum; due eti de mascarpon che se lavora con cinque deca de zuchero, un zalo de ovo e tre deca de cacau. Co la pasta xe freda (e dopo aver distacà pian pian la carta) se la spalma col mascarpon e, se fa un rodolo che se meti in frigo. Dopo circa un’ora se lo tira fora, se taia in sbiego le due estremità e se distira sul troncheto la marmelata de castagne. Se poza de su’ i due tocheti che se ga taià, come se fossi due tocheti de ramo e se coverzi anche questi co’ la marmelata. In ultimo se ciol un piron e se lo passa sul tronco per fare le rugosità de la scorza de l’albero; se lo meti de novo in frigo e quando che se devi servirlo se sparmisa in qua e in là in fià de zuchero a velo, per far l’efeto neve.

Go zà le bave, no’ vedo l’ora de taiarlo.

Graziella Semacchi Gliubich – Ciacole fra le pignate – Editoriale Danubio

Il libro non mi risulta più reperibile.

Qui però altri suoi lavori: LIBRI DI GRAZIELLA SEMACCHI GLIUBICH

1 Commento

I commenti sono bloccati.