25 Fatti Libreschi Su Di Me – Tag

Potrebbero interessarti anche...

15 Risposte

  1. Belial (lex89) ha detto:

    Per colpa di una certa pagina su Facebook mi è tornata la fissa per Topolino… mi sono comprata anche un paio di raccolte.
    Gli audiolibri… io lo avevo delle Favole XD a volte mi perdevo con le immagini, visto che non sapevo quando voltate pagina xD
    Per le recensioni, spesso sono l’unico modo, o almeno il principale, per un self (ma anche se editi da piccole case editrici) di farsi conoscere. Molti optano, nel caso il libro non sia piaciuto pienamente, di non recensirlo o di farne la sola segnalazione.

    Belle le 25 curiosità 🙂

    • bloodyivy ha detto:

      “Tutti matti per Topolino!” 🙂 beh io lo trovo spassosissimo
      Nel post mi son dimenticata di parlare dei pop libri, accidenti, quelli che aprivi la pagina e magicamente si costruiva qualcosa di cartone in 3 D, diamine quanto ci sognavo su quei libri.
      Avete ragione ad aiutare questi autori, soprattutto se si conoscono via blog o se si è già letto qualcosa di loro, per me siete blogger scout appunto, ma io preferisco starne fuori. Se si sapesse che ho recensito su richiesta, dovrei accettarle tutte, sennò giustamente sembrerei una che fa favoritismi. Qualcuno poi, non è che te lo chiede per favore, ma lo dà per scontato “Tu, blogger, recensiscimi!”… e non sai chi sia, è uno scrittore che ha cercato liste con blogger che scrivono recensioni e ora li contatta tutti e 5.000. Insomma, una cosa è un aiuto fra blogger che si conoscono, leggono ed apprezzano, altra è richieste di recensioni (quando va bene, perché ci sono anche le interviste già fatte pronte da condividere)che ti arrivano da perfetti sconosciuti che vogliono sfondare a tutti i costi usandoti (“è un blogger, a che altro serve sennò?”)
      visto che, con qualche mese di ritardo, ma ho risposto al tag? 🙂 🙂 🙂 🙂

      • Belial (lex89) ha detto:

        Prima di chiedere la recensione bisogna sempre controllarlo il blog xD tipo, a te che tratti di certe tematiche non chiederei mai una rece, mentre invece lo farei per una che tratta di libri. Nel mio caso non ho mai detto apertamente che recensisco su richiesta, mi sono state fatte delle richieste e ho accettato, ma solo perché rientravano nei miei gusti, alla fine è un favore che fai gratuitamente, mica un obbligo. Se mi fossero capitate persone che lo vedono così, avrei rifiutato e tanti saluti. Anche perché leggere prende tempo ad altro…
        Per il tag sì *-* poi questo è molto carino visto che si parla a ruota libera *-*
        Sai che di pop up io non ne ho mai avuti? Ho sempre preferito i libroni di favole più grandi di me xD

        • bloodyivy ha detto:

          una mi interessava, era su “Gli zombies e la filosofia politica” da un blogger di wordpress, non credo leggerà questo commento ma, spero davvero che abbia successo. Però si è rivolto a me in un momento in cui ero molto molto incasinata, neanche il tempo per dormire, figuriamoci recensire. Mi auguro che non pensi sia stata solo una scusa.
          Ma a parte questa, le altre son in genere storie o poesie per “donne fatine”.
          Se un giorno riuscissi a scrivere qualcosa di horror di quelli spaventano davvero, proverò io a chiedertela la recensione 🙂

  2. makeupwithg ha detto:

    Ciao! Ti ho nominata in un tag molto carino che trovi nel mio ultimo articolo intitolato “Mi piace fotografare”, spero ti faccia piacere partecipare! 😉

  3. elisabettafvg ha detto:

    15 21 condivido appppieno!!! Per la 14… un motivo per cui compro libri ?(per non parlare dei cataloghi delle mostre!!!…)hai presente Al Pacino in Scarfece scena finale nel suo studio, dietro la scrivania? ecco(cambia naturalmente l’elemento…) … chiudo gli occhi e aspiro il PROFUMO dei libri …la primissima cosa che faccio a casa.Mi fa impazzire!!!! E tu?…Per il 9…segno a margine, perchè voglio condividere con gli altri cioè che leggo, magari una curiosità di un palazzo, di un’opera d’arte,una frase, un significato (l’ultimo? “bluetooth” 🙂 )…15…Tranquilla per la borsa, la mia pesa qualche chilo, ho un beauty-case con mille cose,…non si sa mai… 😉 siamo contente?Basta quello! Buona lettura! e #sempreconilsorriso !

    • bloodyivy ha detto:

      dal 15 al punto 21? piacerebbe anche a te provare a scrivere un horror?
      questo tag mi sono divertita a scriverlo ma ora me la sto passando a leggere i commenti!
      Sì esce di casa con la “borsetta” con tutto il necessario stile zaino dei militari 🙂 🙂 ma è solo prudenza. grazie del commento

      • elisabettafvg ha detto:

        No, horror no, …per i bambini ho iniziato timidamente, per gioco,con gli articoli “STORIE UN PO’ COSI’…”sono delle storie di fantasia, perchè amo l’arte, la natura,…scritte per guardare alcuni particolari della città, della Regione (ma penso che vada bene anche per i bimbi delle altre Regioni!…chissà quanti leoni ci sono in giro! 😉 ) guardare , come dico ai miei figli, “con il terzo occhio”, cambiare (sempre rispettando la storia vera) prospettiva, fantasia a go go!e se scappa un sorriso sono contenta! e visto che oggi è la sua giornata…un bacio e a presto!

  4. francyshopping ha detto:

    Mi hai fatto ridere tantissimo con le orecchie e le sottolineature… Anche io ne faccio largo uso, persino in narrativa per passi che mi piacciono molto! I post-it però non li avevo ancora provati, credo ti ruberò il suggerimento!
    I libri sono da sempre il mio mondo parallelo, devo ringraziarli perché mi hanno regalato anche la capacità di sognare, da bambina se un finale non mi piaceva decidevo di cambiarlo a modo mio (non che ora abbia smesso di farlo). Di case piene di libri ne ho due: quella dei miei genitori e la mia, quando non ci stanno più sugli scaffali sono utili come ferma-porte, colonne per appoggiare lampade e casse dello stereo…
    Un piccolo suggerimento che ho trovato molto utile: lo scorso Natale mi hanno regalato un ebook, che è diventato il mio libro da borsetta (e da viaggio) – così puoi portare con te anche i libri da camera! 😉

    • bloodyivy ha detto:

      grazie del commento francy… eh sì, se non leggo sto proprio male, ma non li vivo come mondi paralleli, ma come una sorta di esperienza non vissute dal vivo ma solo con l’intelletto, da cui imparare.
      per un ebook non so… ho libri molto vecchi, diciamo che superano il secolo, gli ebook fra un secolo come saranno? ma ci penserò
      ciao

Grazie del commento, torna a trovarmi presto :)

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: