2 Anni di Blog – NIENTE PANICO

 chatIl 10 ottobre 2016 Niente Panico compie 2 anni!
Sarebbe stato bello organizzare un giveaway fra i miei followers, bloggy friends, anzi avevo già chiesto ad un’anima blogger (sì, non è un refuso, ho notato che c’è scritto anima al posto di amica, stavo per correggere ma poi ho deciso di lasciare, per ricordare che… anche i blogger hanno un’anima!) che si occupa di “scrapbooking, card making e colorazione“, come dice lei (io molto volgarmente le chiamo cosettucce carine) e aveva pure accettato ma… niente… il tempo mi è volato via (e non so come!).
Sarà per il prossimo anno. In ogni caso grazie my paper moon 😉
 In realtà credo davvero di avere seri problemi temporali, mi capita come se il movimento di rotazione terrestre avesse accelerato e le lancette dell’orologio girassero più veloci.  La giornata mi termina in un baleno!
Le altre persone riescono a fare tutto e di tutto, studiano, lavorano, fanno sport, addirittura mangiano (intendo a casa, dal piatto e non in piedi davanti alle macchinette di cibo trash), dormono 7 ore e spesso escono a divertirsi per i fatti loro. Qual è il loro trucco? La macchina del tempo come il Doctor Who ma magari mascherata da armadio, sempre pronta all’uso in camera da letto? Probabilmente sì!  🙄

blog4Se Niente Panico è arrivato alla rispettabile età di due anni lo deve ai followers che mi motivano a continuare giorno dopo giorno. Grazie!!!

Se non mi è mai pesato trascorrere dei sabato sera a preparare i post della domenica è soprattutto grazie alla voglia di scrivere qualcosa di nuovo ogni settimana, da postare e mostrare a chi passerà per di qua. 🙂 Thank you so much my dear followers!
Ok, magari è anche perché sono un dannato misantropo, e “mi dispiace, devo occuparmi del blog, ci vediamo un’altra volta” è un’ottima scusa per ridurre le uscite nei week end con le amiche… (a casa il sabato sera prima della Barcolana… praticamente come mangiare in bianco brindando con l’acqua a Natale… ma lo confesso, sebbene sia un bellissimo avvenimento a cui assistere almeno qualche volta nella vita, è anche una gran baraonda e quest’anno mi preferisco tranquilla a scrivere questo post). 😉 
E che dire degli altri blogger? Son così bravi, seri e professionali che mi invogliano ad imparare e migliorare! Passerei ore ad ammirare gli altri blog (se solo le lancette dell’orologio inspiegabilmente non si spostassero sempre più in fretta). Ben scritti, accurati, con splendide immagini spesso scattate da loro stessi, sia che siano di panorami che foto da strada che i cibi preparati per illustrare le loro ricette e pubblicano anche più frequentemente di quanto faccia io.  
Mi hanno ispirato tutta una serie di buone idee da inseguire per migliorarmi come blogger in questo secondo anno di vita di Niente Panico.
2blogPropositi:
  • Più foto scattate da me, perché è una vergogna che me le vada sempre a cercarle on line.
  • Bibliografie da aggiungere sotto i post più seri e corposi (come in quello sui suicidi nei campi di concentramento) per dar modo di approfondire l’argomento ma soprattutto verificare che quanto scritto da me non sia disinformazione. Venir creduta sulla parola, anzi scrittura, in questo mondo pieno di miserrime bufale sarebbe pretenzioso. Questo è un blog e non una testata giornalista, e non si può esser sicuri di quello che si legge nei blog.
  • Devo aggiornare la pagina Blog Policy perché da quando la scrissi i commentatori deliranti son aumentati a dismisura. Mica si rendono conto che i vaneggiamenti scritti e visibili a tutti son ben più gravi che quel che si dice vis à vis. A volte ce l’hanno proprio con la mia persona (flatus vocis… o detto in soldoni, me ne faccio un baffo), altre volte con il personaggio menzionato nel post (e che quindi devo tutelare io), altre volte contro il cristianesimo (e simili commenti me li hanno lasciati anche sotto un post che trattava di filosofi antichi e tutti pre-cristiani, cioè, o non hanno letto il post o manca qualche rotella… cmq se è per questo, sotto un post dove citavo Aristotele ho deluso un pochino perché, come si fa a ricordarsi del filosofo e dimenticarsi degli ufo? Ma il commento era così educato, attinente e simpatico che l’ho lasciato, magari fossero tutti così 🙂 ), sprezzanti verso un determinato partito politico (avessi mai scritto di politica!), persino mi son presa della finta intellettuale per l’autore che suggerivo nella pubblicità IBS (se non si è capito, cerco e mostro le offerte migliori del periodo, se qualcuno volesse approfittarne, così se per Natale ci sarà lo sconto del 50% sui libri di Peppa Pig, sul blog lo segnalerò, ma da qui a classificarmi come una che legge Peppa Pig, il meccanismo mentale è bislacco 😉 ). Allora, se rispiego chiaramente e una volta per tutte cosa implica commentare on line forse sapremo entrambi regolarci reciprocamente meglio e io non renderò leggibili certe cose a cuor leggero.
  • Riordinare i post in categorie chiare e distinguibili, perché ora, fra i vari macro e micro argomenti dei post regna un gran polverone. Sarà un lavoraccio, ma le categorie sono il vero archivio del blog e organizzano i post per facilitare la lettura di tema simili ma argomenti nuovi.
  • Pensare ad un logo per il blog, in modo che sia riconoscibile e personale ma qui davvero, quantomeno per ora, non saprei da che parte iniziare.
blog5Insomma, another big thank you, my readers! Cercherò di diventare una blogger migliore (se solo capissi come rallentare lo scorrere del tempo, almeno nei momenti liberi da dedicare al blog, accidenti!).
E grazie per la lettura di questo post Bloody Ivy
 

81 Commenti

  1. Carissima Eleonora, sai che sono un tuo estimatore e mi piace molto come scrivi, ed allora, nel rinnovare la stima, gli auguri più affettuosi per questo primo ricco biennio del blog. Ciao.

    PS
    Prima o poi, spero di tornare ad esserti anche collega ( collega per modo di dire,non certamente bravo come te)

    • ahhhhh Bera… hai svelato la mia identità segreta 😛 😀
      grazie! molto gentile!
      Sarebbe proprio ora che tu tornassi come blogger e, in quanto a bravura… mi daresti del filo da torcere, mentre con le foto mi batteresti in prima battuta, quindi… torna, dai.

  2. Auguri al blog, allora! E buon proseguimento, sono sicuro che riserverà molti altri bei post… certo che a volte sono lunghissimi! Ne conservo alcuni per quando – ma quando? – avrò tempo, perché mi interessano… prima o poi avrai notizie del mio passaggio anche in quelli, promesso. 🙂

    • è vero, molti non hanno una lunghezza da post! Ma mi ci dedico solo un giorno (può essere di mattina, di pomeriggio, di sera) alla settimana e allora, come dire… visto che non mi farò più viva se non fra sette giorni (se tutto va bene) allora vi rimpilzo ben bene.
      Sorry!
      e grazie per l’interesse 🙂

  3. Tanti auguri!e non preoccuparti, il tempo corre anche per me.Pensavo anche di svegliarmi un’ora prima (alle 5) per impostare un pò il sito!!!!! Bel traguardo e, come si dice, 100 di questi giorni!

    • Grazie! Sì è un bel traguardo, ci speravo ma non era per niente scontato arrivarci 🙂
      Eh… l’esperimento di svegliarmi un’ora prima l’ho fatto e tutto è andato bene per qualche settimana, poi evidentemente avevo ridotto di troppo il sonno e dalle 10 alle 13 avevo il “momento ciccio” (quello di nonna papera, capace di mettersi a dormire in piedi) e, facevo tutto sì, ma al rallentatore, persino parlavo e pensavo lentamente e con un’incredibile stanchezza. E no, il caffè, caffeitomane come sono, non faceva più effetto 🙂

      • Grazie del suggerimento.Allora niente svegliatacce, oserei dire:niente panico 😉 da “momento ciccio”! Proverò mentre in casa non c’è nessuno,maschi al lavoro, bimba all’Università e io sotto con la programmazione degli articoli…come adesso.
        Buon caffè!
        P:S: il mio “momento ciccio”?(rido) a metà del film serale!!! se non ho un lavoretto fra le mani che mi tiene sceglia, ploc…mi si chiudono gli occhi, ma il senso del film lo capisco lo stesso! 😉

        • se ti capisco 🙂
          è dura ma ci si guadagna in determinazione.
          Essere forti e determinati poi, è un guadagno per tutto quello che si farà in seguito.
          Sì, “momento ciccio” rende bene l’idea, vero?
          ciaoo

    • non riesco neanche a trovare il tempo per rispondere ai commenti! ma ci sarà in giro qualche mostro invisibile con una macchina succhia tempo che ce lo ruba e poi lo usa come tempocarburante per accorciare gli anni luce quando viaggia con la sua nave spaziale? Le sto pensando tutte per trovare una spiegazione 😉
      grazie!!!!

    • grazie!!!
      ma quale ritardo… a ritardo nel rispondere non puoi neanche lontanamente competere con me 😉 io continuo a stupirmi… forse tutti hanno già un robot clone che esegue i compiti più semplici per loro? per questo riescono anche a rispondere subito ai commenti lasciati su blog e social? mah……

        • uhm vedi, è un problema di priorità, e per quanto mi diverta il blog non ho più l’età per entusiasmarmi con “uh mi è arrivata una notifica” e correre a rispondere, sono ormai al “ancora? ma chi rompe? se mi ha mandato di nuovo immagini di fatine, gattini e cagnolini io la blocco… ma non ha niente di meglio da fare?”… Dopo questo post una persona che conoscevo dalle superiori mi ha tolto l’amicizia, pensava mi stessi riferendo a lei e non ci volessi uscire inventando la scusa del blog (sì, quando una persona ha troppo tempo libero evidentemente poi lo usa per farsi filmini in testa che non stanno né in cielo né in terra)

          • Ma no, dai, è così bello entusiasmarsi per le piccole cose!!!
            Per quanto riguarda i film mentali, ti assicuro che non serve avere tempo da perdere per farseli. Io me li faccio da una vita, quando ho tempo e quando non ne ho 😀 Poi bisogna capire che tipo di film ci si fa…. 😉

            • certo, un angoletto pieno di non-ti-scordar-di-me è una piccola cosa, la pioggia che ti prendi perché hai dimenticato l’ombrello a casa e sorridi allo sguardo perplesso delle persone che incroci è una piccola cosa, la vecchina al supermercato che si compera solo pacchi di farina perchè ha finito i soldi della pensione è una piccola cosa anche se dà una grande emozione.
              lo stalking di immagini e link inutili a iosa perché poi così per sfinimento alla fine usciremo assieme una sera, non è una piccola cosa 😉
              però I’m so sorry, mi è sfuggito questo lamento sfogo nel commento con te… che poverina non c’entravi nulla 🙂

              • Io mi riferivo alle piccole cose che ti riguardano, puramente personali, dunque, senza stare a guardare gli altri. Intendevo proprio, per fare esempio concreto, la notifica che ti fa capire che qualcuno si ricorda di te, ti stima, interagisce con te perchè la trova una cosa buona da fare, perchè piaci. Le piccole cose sì, ma per ciò che ti riguarda, senza dover andare a scomodare il mondo intero 😉

                • ma nooooo!
                  Le piccole cose del mondo sono personali.. la vecchietta che si può comprare solo la farina io la prendo sul personale, mi commuovo io e ciò mi cambia, ma anche la margherita che riesce a crescere a bordo del marciapiede, mi stupisce positivamente perché anche l’esistenza di una margherita può dare speranza, e fa cambiare la mia persona.
                  Le notifiche, dipende, possono (come nel caso a cui mi riferisco) essere esagerate in quantità e anche aggressive e moleste, pure se riguardano ninfee. Il tempo di una persona è importante, oserei dire sacro. Mostri amicizia e rispetto verso qualcuno anche in base a come tuteli il suo tempo.
                  Non vai a salutare il tuo amico avvocato ogni giorno chiedendogli di uscire, perché probabilmente sta studiando per la causa del giorno seguente in tribunale.
                  Al tuo amico medico non credo lo bombarti di immagini di romantiche damine ogni giorno e in ogni momento, perché lo sai che sta controllando malati e forse si è fatto il turno di notte al pronto soccorso.
                  Ai tuoi amici ormai proff, dai per scontato che possano aver giornate pesanti, se poi son sposati e con figli. Non cerchi di interagire con loro durante il giorno, anzi ogni santo giorno.
                  Per rispetto ma anche per non scadere nel ridicolo.
                  Un criminologo sta pensando alle implicazioni della traiettoria dei vetri, se interni o esterni all’appartamento sapendo che il suo studio può convincere di colpevolezza o innocenza beh gli secca trovarsi una marea di messaggini e salutini inutli.
                  Un amico giornalista sente il bip mentre sta facendo un’intervista importante a braccio e poi si trova una sfilza di citazioni carine perché da un po’ ti sei fissata nel fare così.
                  Ma lo stesso vale anche per un operaio stanco del pesante lavoro in fabbrica, una segretaria, un commercialista, un poliziotto, il ragazzo col furgoncino che accompagna i malati della dialisi, l’architetto, il postino, l’impiegato delle poste, la polizia municipale, l’assessore comunale, la cassiera del supermercato.
                  Se sei una ragazzina va bene, è divertente ma per un adulto serio (ed è questo il problema perché ci sono adolescenti cinquantenni con la mentalità da farfalloni) no, e se chi ti manda di tutto e di più ha la tua stessa età, non ti senti rispettato ma, infastidito e pensi che oltre all’immaturità abbia qualche problema psi (direi legati ad un abbandono non superato).

  4. Quanto mi sono divertita e immedesimata nel leggere il tuo articolo! Eh sì, perchè anch’io vorrei fare tutte quelle cose che dici tu ma il tempo scorre sempre troppo velocemente! Soprattutto perchè anche per me, il blog, nato quasi un anno fa come sfogo personale creativo, è un dopo lavoro. Con il passare degli articoli e dei feedback, sta diventando molto di più di uno sfogo creativo! Ma, ahimè!! Il tempo è sempre quello che è!!! Perciò mi ritrovo ai weekend a lavorare, a studiare e a ricercare per scrivere qualcosa di sensato e stimolante del mio mondo profumato. E anch’io vorrei avere più tempo per fare più fotografie mie, vorrei avere più tempo per relazionarmi con gli altri blogger e per rispondere in maniera un minimo intelligente ai commenti. Ma il tempo è lì che scorre e sembra non basti mai. L’importante è il risultato e, nonostante il tuo poco tempo e le tue “non fotografie” trovo il tuo blog molto stimolante (infatti purtroppo è uno dei pochi che riesco a seguire, a parte alcuni importanti del mio settore)., quidi continua così e complimenti. Sant’Agostino disse: “Il Tempo è l’estensione dell’anima”. Si vede che la tua anima sta andando oltre il tempo che hai a disposizione. Auguri. Ella Donati

      • ok, finalmente rispondo. I blog, io credo che in un certo qual modo rispecchino le persone e il tuo e di un’eleganza invidiabile. d’altronde il tuo settore in toto ha qualcosa di raffinato ed elegante.
        sì, anche io ci tengo al blog, penso anche di impegnarmici seriamente o almeno, tutti i sabati, dal primo pomeriggio in poi, son davanti al computer che preparo il post, neanche io mi credevo così costante 😉

        • Che conforto leggere che questo problema del tempo è un problema di tutti. Io vorrei che le giornate potessero durare più ore per poter dormire di più e curare tutti i miei infiniti interessi. Mi sento una nullità quando non riesco a dedicarmi abbastanza alle cose che amo. Forse ho messo troppe cose in pentola e devo fare delle scelte. Forse sono diventata grande perché solo adesso posso dire anche io…”non ho tempo” quando passo davanti alla libreria oramai affollata di libri in attesa di essere letti. 🙁 Laura

Grazie del commento, torna a trovarmi presto :)